Torna a navigare
Torna a navigare
Top 10 - Christmas Destinations Top 10 - Christmas Destinations

I 10 migliori road trip del mondo

24 maggio 2018 - Destinazioni

Addio mani gelide, naso che cola, mancanza di vitamina D e caminetti accesi, la primavera ha fatto capolino e con lei una gran voglia di libertà. Mettetevi in viaggio, equipaggiati con i nostri consigli!

route 66, United States route 66, United States

1/ Road trip leggendario: la Route 66, Stati Uniti.

La più celebre strada degli Stati Uniti, citata anche da Nat King Cole nel ‘46 e dai Rolling Stones nel ‘64, è al primo posto in classifica per gli amanti dei viaggi su due o quattro ruote. Battezzata “Mother Road” dallo scrittore John Steinbeck, è la prima strada asfaltata trans-continentale del Paese. Collega Chicago a Los Angeles, si estende per più di 2400 miglia, è poco utilizzata dagli americani che le preferiscono ormai strade più rapide, ma mantiene la sua atmosfera leggendaria e altamente instagrammabile grazie ai suoi motel e alle sue stazioni di servizio abbandonate.

Da non perdere: il Roy's Café a Amboy in California,  le sculture Cadillac Ranch a Amarillo in Texas.

Lire: Furore di John Steinbeck.

La colonna sonora del vostro road trip: Chuck Berry, Nat King Cole, Nancy Sinatra, The Rolling Stones, i Depeche Mode: tutti loro hanno cantato la Route 66.

Ring Road (route 1), Iceland Ring Road (route 1), Iceland

2/ Road trip lunare: la Ring Road (route 1), Islanda.

Se avete poco tempo, un road trip lungo la via principale della Ring Road in Islanda fa al caso vostro. Con una lunghezza complessiva di 1332 km, questa strada fa il giro completo dell’isola, offrendo una varietà di paesaggi che vi ipnotizzeranno. Crateri, fiordi, cascate, ghiacciai, sorgenti e geyser si susseguono senza fine. Un road trip indimenticabile.

Da non perdere: un tuffo nella Blue Lagoon, i ghiacciai di Jökulsárlón, il parco nazionale di Skaftafell, il lago Mývatn in una delle aree più belle dell’Islanda.

Da leggere: un romanzo poliziesco glaciale della star islandese del genere, Arnaldur Indridason.

La colonna sonora del vostro road trip: Björk, ovviamente.

Silk Road, Central Asia Silk Road, Central Asia

3/ Road trip storico: la Via della Seta, Asia centrale.

Imboccate la via delle fantasmagorie, delle carovane e dei paesaggi magici dell’Asia centrale. Più di 7000 km separano le due estremità, dalla Turchia alla Cina. Ma meglio evitare alcuni Paesi e alcuni confini che questa strada attraversa per ragioni di sicurezza. Tuttavia, percorrere una parte di strada in Uzbekistan o in Cina si rivela ben più che un semplice viaggio, ma un tuffo inebriante attraverso i secoli nella cultura, nella tradizione e nella religione.

Da non perdere: le città di Samarcanda e Boukhara, patrimonio mondiale dell’Unesco, il deserto di Kyzylkoum in Uzbekistan. Le grotte di Mogao, le dune di sabbia, la città di Xi’an e l’esercito di terracotta in Cina.

Da leggere: Seta di Alessandro Baricco.

La colonna sonora del vostro road trip: l’occasione perfetta per scoprire la migliore ambasciatrice di musica uzbeca, Monajat Yulchieva.

Almafi Coast, Italy Almafi Coast, Italy

4/ Road trip romantico: la costiera amalfitana, Italia.

Il road trip ideale per prendersi del tempo, respirare aria italiana con i capelli al vento, fermarsi nei piccoli hotel e mangiare deliziosa pasta bevendo ottimo vino, su una strada che costeggia un mare azzurrisimo. Partite da Napoli con una Fiat 500 o con una vecchia Vespa e raggiungete Sorrento. Cambiate mezzo di trasporto, salite su una barca e innamoratevi a Capri. Proseguite fino a Positano e imboccate la strada sinuosa che vi porterà a Vetri sul Mare, sul golfo di Salerno. C’è bisogno di aggiungere che tutta la costa è patrimonio mondiale dell’UNESCO  dal 1997?

Da non perdere: l’isola di Capri, il sublime hotel Parco dei Principi a Sorrento, le città di Ravello e Positano, le rovine di Pompei.

Da leggere: la saga napoletana in 4 tomi L’amica geniale di Elena Ferrante.

La colonna sonora del vostro road trip: la musica composta da Georges Delerue per il più bel film di tutti i tempi, « Il Disprezzo», girato a Capri da Jean-Luc Godard.

ruta 40, Argentina ruta 40, Argentina

5/ Road trip politico: la ruta 40, Argentina.

Se avete l’animo rivoluzionario e il cuore avventuroso, percorrete le impronte degli pneumatici di Ernesto Che Guevara che, a 23 anni e prima di unirsi alla rivoluzione castrista di Cuba, percorse gran parte della cordigliera delle Ande in moto. Un viaggio di più di 9 mesi e di qualche migliaio di chilometri tra cui la route 40 in Argentina, una delle più celebri del Paese. Per più di 500 km, godrete di paesaggi mozzafiato lungo la cordigliera delle Ande, da La Quiaca alla Patagonia.

Da non perdere: la regione della Puna, la laguna Brava e la Quebrada de Humahuaca, patrimonio mondiale dell’umanità.

Da leggere: Il Libro di Sabbia del maestro argentino del realismo magico Jorge Luis Borges.

La colonna sonora del vostro road trip: il tango nostalgico «Por una cabeza» di Carlos Gardel.

Pacific Coast Highway, California, United States Pacific Coast Highway, California, United States

6/ Road trip letterario: la Pacific Coast Highway, California, Stati Uniti.

Seguite i passi di Henry Miller, Jack Kerouac o Simone de Beauvoir e Jean-Paul Sartre che sono stati rapiti (e ispirati) prima di voi dalla bellezza dei passaggi che affiancano questa breve strada tra Los Angeles e San Francisco. Non a caso è stata chiamata «California Dream Road».

Da non perdere: Big Sur e i suoi splendidi paesaggi, la Henry Miller Library, prendere un caffè da Nepenthe, una notte al Post Ranch Inn e la città di Monterey.

Da leggere: Big Sur di Kerouac

La colonna sonora del vostro road trip: il surf rock californiano di Jack Johnson.

Garden Route, South Africa Garden Route, South Africa

7/ Road trip fuori dai sentieri battuti: Garden Route, Sudafrica.

Partendo da Città del Capo, imboccate la strada panoramica The Garden Route e preparatevi a scoprire una zona sconosciuta del Sudafrica. Piccoli villaggi costieri, spiagge incontaminate da sogno, natura lussureggiante e parchi naturali si susseguono fino a Hermanus, dove potrete vedere le balene. Catturati dal fascino della strada, potrete proseguire fino a Port Elizabeth, 700 km più avanti, senza dimenticarvi di fare una sosta in uno dei migliori punti in cui fare surf, Jeffrey Bays.

Da non perdere: Table Mountain a Città del Capo, il parco nazionale Ado o osservare i Big Five e la riserva di Hoop.

Da leggere: Zulu di Caryl Ferey, un libro intenso sul Sudafrica, vincitore di diversi premi.

La colonna sonora del vostro viaggio: Die Antwoord, il gruppo hip-hop del momento, originario di Città del Capo.

Great Ocean Road, Australia Great Ocean Road, Australia

8/ Road trip ai confini del mondo: la Great Ocean Road, Australia.

La Great Ocean Road non ha bisogno di nessuna presentazione! La sua fama e il suo successo la rendono uno dei road trip più ambite al mondo. E i vecchi furgoncini VW in perfetto stato, pieni di surfisti australiani con i capelli schiariti dal sole e il mare non stupiscono affatto. Atterrate a Melbourne, noleggiate un’auto (o un furgoncino) e guidate in direzione Torquay dove parte la Great Ocean Road, con i suoi 250 km. Il punto culminante del viaggio è Port Campbell, con i famosi Dodici Apostoli. Una road trip da fare almeno una volta nella vita !

Da non perdere: Kenett River e la sua colonia di koala, il percorso di golf tra i canguri Golf d'Anglesea (avete letto bene!),  i Dodici Apostoli.

Cosa leggere: Kangaroo di D.H. Laurence per tuffarvi negli anni ’30 australiani.

La colonna sonora del vostro road trip: qualsiasi album di Nick Cave and the Bad Seeds. Sì, uno degli ultimi dei del rock australiano.

trans-Siberian, Russia trans-Siberian, Russia

9/ Le road trip avventuroso: la Transiberiana, Russia.

Uno dei road trip più lunghe al mondo, inclusa nelle prime tre strade leggendarie insieme alla Route 66 e alla Panamericana (che collega l’Alaska con la Terra del Fuoco). Attenzione: 11000 chilometri e un periodo sabbatico di diverse settimane se volete esplorarla prendendovi del tempo. Il viaggio non sarà molto riposante, tra le strade dissestate e il traffico in alcuni punti (il treno è una buona alternativa), ma l’immensità della steppa, della taiga, delle pianure aride e la sensazione di toccare con dito lo spirito di Grande Madre Russia ne vale davvero la pena.

Da non perdere: le città di Kazan e Souzdal, l’isola di Olkhon sul lago Baïkal, la Siberia.

Da leggere: Michel Strogoff di Jules Verne, classico tra i classici, il cui protagonista vi ha preceduti più di un secolo e mezzo fa sulla stessa strada.

La colonna sonora del vostro road trip: perché sia all’altezza dei paesaggi che vi circondano, Rachmaninov è quasi obbligatorio.

trans-Siberian, Russia trans-Siberian, Russia

10/ Road trip desertico: Bardenas Reales, Spagna. 

Esiste un luogo sconosciuto ai più, di cui i più esperti parlano sussurrando: il deserto di Bardenas. Arido, ostile ma nel pieno cuore della Spagna, Bardenas Reales sono i luoghi dove Don Quichotte incontra Sergio Leone. La sensazione di essere in pieno Far West américano a qualche chilometro dalla Spagna! Confusione garantita.

Da non perdere:  un soggiorno fuori dal tempo nello straordinario hotel Aire di Bardenas.

Da leggere: Don Quichotte sicuramente (i celebri mulini a vento sono a soli 500 km da qui)

La colonna sonora del vostro road trip: i più grandi successi di d’Ennio Morricone per un’atmosfera western.

Altri articoli